This website works best with JavaScript enabled
Stampa questa pagina
Martedì, 24 Luglio 2012 12:08

Vacanze senza lacrime

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

Può succedere ovunque. Se non ottiene ciò che vuole, è insoddisfatto di un suo disegno o bisticcia con un compagno, scoppia subito piangere. E, alla lunga, mette a dura prova i nervi dei grandi.

Che fare?un po' di psicologia.

LASCIALO PIANGERE: Le lacrime sono una reazione involontaria dell’ organismo che un bambino di 4 o 5 anni non può controllare come un adulto. Dirgli di smetterla, minacciarlo di punizioni o prenderlo in giro, quindi, fa solo aumentare la tensione e prolungare il pianto.

COMPRENDILO: Durante la “crisi”, dirgli:”Questa cosa non ti va e ti viene da piangere? La mamma ti comprende, non trattenere le tue emozioni”. Sentendosi capito, la smetterà subito.

CHIEDERE AIUTO: Se, però, le lacrime arrivano a condizionare molto la vita del bambino (con gli amici, a scuola) meglio rivolgersi a un esperto per capire le cause e trovare il modo di aiutarlo.

Letto 2164 volte Ultima modifica il Sabato, 24 Novembre 2012 21:13
Devi effettuare il login per inviare commenti
#fc3424 #5835a1 #1975f2 #2fc86b #f_syc9 #eef77 #020614063440